aprire-in-germania-partita-iva

+39 331 833 0398

Siamo una Agenzia di Italiani che vive in Germania

Aiutiamo gli imprenditori italiani ad aprire: Società in Germania, Partita iva, Conto Corrente e un Ufficio Virtuale senza conoscere il tedesco, con un Costo chiaro e Senza sorprese.

info@eurotrendagency.com

Tassazione dei dividendi in Germania

La tassazione dei dividendi in Germania è soggetta ad una ritenuta alla fonte del 25%, tuttavia, questa è ridotta allo zero percento quando il pagamento del dividendo si qualifica come una delle situazioni in cui si applica la Direttiva CE / Controllata CE.

Il nostro team di agenti specializzati nella costituzione di società in Germania presenta alcuni dei più importanti dettagli sulla ritenuta alla fonte applicabile ai dividendi e su come le aziende possono beneficiare delle riduzioni applicabili.

Principi di tassazione dei dividendi in Germania

La tassazione dei dividendi in Germania fa parte del regime fiscale globale del paese. Il reddito imponibile di una società è determinato in base al suo profitto, meno le detrazioni disponibili nel paese. Nei casi in cui la Germania ha firmato un trattato contro la doppia imposizione con un’altra giurisdizione, dividendi, interessi e canoni possono essere tassati ad un tasso agevolato e ridotto. La Germania ha una vasta rete di trattati fiscali e ha firmato più di novanta di questi trattati nel corso degli anni. In generale, l’aliquota di ritenuta alla fonte ridotta per i dividendi ai sensi di un trattato sarà del 15%, 10% o 0%. Con alcuni paesi, è più alto mentre con altri è inferiore e raccomandiamo di consultare uno dei nostri agenti di formazione di società tedesche per saperne di più sulle disposizioni specifiche incluse in un trattato fiscale con una certa giurisdizione.

I proprietari di affari stranieri in Germania devono osservare le norme fiscali nel paese. Dividendi sono inclusi in un elenco speciale di redditi imponibili e in generale i dividendi percepiti da società tedesche o filiali di società non residenti sono esenti dall’imposta sul reddito delle società indipendentemente dal periodo di tempo in cui è stata detenuta la partecipazione nella società controllata. Quando l’azionista è una società, l’imposta sul reddito da dividendi è esentasse ai sensi della direttiva specifica. Tuttavia, il 5% del reddito da dividendi è incluso nel reddito imponibile come spesa non deducibile. Per il resto del 95% da considerare un’esenzione, la partecipazione deve essere in una percentuale di almeno il 10% del capitale azionario all’inizio dell’anno solare (il che significa che le acquisizioni minime del 10% devono aver avuto luogo all’inizio dell’anno calcolato).

  • banche e istituti di servizi finanziari: questa condizione si applica a questi tipi di società che detengono le azioni come azioni commerciali;
  • società finanziarie: in cui le banche o le società di servizi finanziari detengono più del 50%; questo vale anche per le holding;
  • compagnie di assicurazione: l’esenzione non si applica alle compagnie di assicurazione vita e sanitaria;
  • tipi di fondi selezionati: sono inclusi i fondi pensione per i quali non si applica l’esenzione.

Indipendentemente dalle situazioni qui descritte, l’esenzione non si applica se il pagamento del dividendo è stato trattato come un tipo di spesa deducibile a livello della società che effettua la distribuzione. Questa regola sostituisce qualsiasi altra disposizione che possa essere inclusa in un trattato sulla doppia imposizione. Uno dei nostri agenti specializzati nella registrazione delle società in Germania può darti maggiori informazioni su questa “regola anti-ibrida”.

Quando l’azionista è una partnership, solo il 60% del reddito da dividendi viene aggiunto al reddito annuale lordo del partner mentre il 40% di riposo è esentasse (esenzione dalla partecipazione). Ciò significa che solo il 60% delle spese connesse al dividendo può essere deducibile.

Quando l’azionista è un individuo, il pagamento del dividendo è soggetto ad una ritenuta alla fonte del 25% a cui si applica un supplemento di solidarietà del 5,5% della tassa dovuta. In questo caso, se l’aliquota della ritenuta d’acconto supera l’aliquota marginale dell’imposta sul reddito per detto azionista, allora può scegliere di segnalare il pagamento del dividendo nella dichiarazione dei redditi.

L’esenzione del 95% può essere applicata anche ai dividendi ricevuti da società residenti non appartenenti all’UE, tuttavia, in questo caso, è richiesta una partecipazione minima del 15% dall’inizio dell’anno civile in cui viene effettuata la distribuzione (e quando la controllata soddisfa un numero di requisiti di attività). Tuttavia, per le persone giuridiche non appartenenti all’UE, le disposizioni del trattato fiscale prevarranno nella maggior parte dei casi. Gli investitori possono richiedere assistenza fiscale specializzata.

La ritenuta alla fonte sui dividendi

L’aliquota della ritenuta alla fonte sui dividendi in Germania è del 25%. A questo tasso è applicabile un supplemento di solidarietà portando l’importo totale al 26,375%. Le società non residenti in Germania possono beneficiare di un rimborso per questa tassa se si qualificano per questa esenzione e se lo fanno, il valore di rimborso può essere del 40%. Il rimborso è condizionato dalla società seguendo le regole anti-abuso.

L’aliquota della ritenuta alla fonte ridotta effettiva per le società non residenti che non sono soggette ad alcun trattato è del 15,825% ma può essere inferiore se la Germania ha concluso un trattato sulla doppia imposizione con la giurisdizione in cui si trova la società che riceve il pagamento del dividendo. Per determinare se la tua azienda si trova in una situazione di trattato o non trattato, puoi contattare uno dei nostri agenti specializzati nella formazione di società tedesche.

Poiché la Germania è membro dell’Unione europea, essa osserva le disposizioni della direttiva sulle società madri e figlie . Secondo questa regola, la ritenuta alla fonte può essere ridotta allo 0% se il pagamento del dividendoè distribuito a un azionista UE che possiede almeno il 10% del capitale della società che effettua il pagamento, alla data in cui viene effettuato il pagamento. Inoltre, la società partecipante deve aver detenuto la partecipazione nell’altra compagnia per almeno 12 mesi. Affinché la decisione sia applicabile, il pagamento deve essere non rimborsabile per la controllata. La società che effettua la distribuzione può applicare la tassa dello zero percento solo quando la società madre possiede e presenta un certificato di esenzione rilasciato dall’ufficio federale delle imposte prima che venga effettuato il pagamento. Quando il certificato non viene presentato in tempo utile, la ritenuta d’acconto viene rimborsata dall’ufficio delle imposte federale a seguito di una domanda.

Tassazione in Germania

La Germania impone un sistema di tassazione basato sulla residenza della società. Una persona giuridica è considerata residente se ha una sede legale o un luogo di gestione nel paese. L’imposta sul reddito delle società standard in Germania è del 15% a cui si applica un supplemento di solidarietà. Oltre all’imposta sul reddito delle società e alle ritenute alla fonte su dividendi, interessi e royalties, le altre imposte per le imprese in Germania comprendono la tassa comunale, l’imposta sul valore aggiunto, la tassa commerciale, i contributi di sicurezza sociale o l’imposta sul trasferimento immobiliare.

Alcune spese professionali possono essere deducibili a fini fiscali. Uno dei nostri specialisti in Germania può aiutarti a ridurre al minimo le tasse e ad adempiere alle tasse nel paese.

Contattare i nostri consulenti di registrazione della società in Germania per ulteriori informazioni sulle imposte sui dividendi, la tassazione complessiva nel paese, i trattati contro le doppie imposizioni e altre norme riguardanti la costituzione e la gestione delle società.